immagine SEO

Immagine SEO: Migliori pratiche

Hannah Dango

Le immagini giocano un ruolo chiave nel SEO in quanto migliorano l'esperienza dell'utente e aumentano il tuo traffico organico. Tuttavia, è necessario sapere come ottimizzarle correttamente. In questo articolo, vi mostriamo come ottenere il massimo dalle immagini del vostro sito web.

Ma prima, cominciamo con le basi.

 

Cos'è il SEO delle immagini?

Image SEO si riferisce ai compiti per ottimizzare le immagini in modo che ottengano una buona posizione nelle SERP.

I motori di ricerca cercano di capire le immagini, proprio come fanno con le pagine web. Perciò, volete che le vostre immagini siano SEO-friendly e che siano significative.

 

Perché dovresti preoccuparti del SEO delle immagini

Dovresti preoccuparti del SEO delle immagini in primo luogo perché le immagini giocano un ruolo essenziale nel raggiungimento di un traffico organico di qualità. Oggi, possiamo accedere all'opzione 'Visualizza immagine' su Google, quindi ci sono molte più possibilità per gli utenti di raggiungere la pagina.

Facendo il SEO orientato alle immagini, ottimizzi le immagini per gli utenti, i motori di ricerca e le persone con disabilità visive in modo che possano capire meglio il contenuto del tuo sito web.

La verità è che il SEO per immagini è cruciale per alcune aziende più di altre. Non sempre si cercano immagini per risolvere le proprie query, e Google lo sa, quindi di solito mostra pagine normali nei suoi risultati.

Tuttavia, in quei casi in cui le immagini appaiono frequentemente come risultato di una query, il SEO delle immagini è vitale. Questo potrebbe essere il caso, per esempio, di negozi online o siti che contengono notizie su personaggi famosi.

 

Migliori pratiche SEO per le immagini: come generare più traffico ottimizzando le immagini

Ma cosa si può fare per ottimizzare le immagini di un sito per il SEO? Vediamo quali sono i modi migliori per ottenerlo:

immagine SEO

Scegliere il miglior tipo di file

Quasi tutte le immagini che si trovano sui siti web sono JPEG, PNG e GIF. Ognuno di questi formati ha un metodo di compressione diverso, quindi le dimensioni dei file possono variare significativamente, il che è di fondamentale importanza.

Questo perché le immagini sono di solito il fattore più critico nella dimensione totale della pagina, facendola caricare più o meno velocemente. E il tempo di caricamento della pagina è un fattore di classificazione fondamentale nel SEO.

Pertanto, è necessario scegliere il tipo di file più appropriato per ogni immagine, ovvero quello che offre la giusta compressione con la minore riduzione della qualità. In questo senso, il JPEG è solitamente in testa. Ciò non significa, ovviamente, che sia sempre la scelta migliore.

Ridurre la dimensione del file dell'immagine

Oggi le immagini costituiscono gran parte del peso totale di una pagina web. In particolare, la percentuale media si aggira intorno al 21%, secondo uno studio di HTTP Achieve. Non c'è dubbio, quindi, che comprimendo le immagini si possa migliorare notevolmente la velocità del sito.

Tra due immagini, una con molti più kb dell'altra, la differenza visiva può essere minima, e anche questa può essere praticamente indistinguibile. Google offre un'ampia documentazione sull'ottimizzazione delle immagini per il web, concludendo che per ottenere i migliori risultati è necessario sperimentare diverse impostazioni di qualità per le immagini senza paura di ridurre la qualità. I risultati visivi possono essere eccellenti e i risparmi abbastanza consistenti.

Come comprimere le immagini del sito web

Esistono due tipi comuni di tecniche di compressione delle immagini. Si tratta della compressione con perdita e della compressione senza perdita.

Nella compressione con perdita, alcuni dati del file vengono rimossi in modo permanente e non vengono ripristinati nella loro forma originale dopo la decompressione. Con questo metodo è possibile ridurre in modo significativo le dimensioni dell'immagine, ma bisogna fare attenzione perché ha lo svantaggio di degradarla. Si consiglia di utilizzare Adobe Photoshop o altri editor di immagini per regolare le impostazioni di qualità dell'immagine.

Nella compressione senza perdita, i dati originali del file rimangono dopo la decompressione. Questo metodo non influisce sulla qualità dell'immagine, anche se è necessario decomprimere l'immagine prima di poterla renderizzare. Anche in questo caso, è possibile utilizzare Adobe Photoshop per questa compressione o strumenti online come Optimizilla, Resize Photos o Compress Now.

Pulire la libreria multimediale

Sbarazzatevi delle immagini inutilizzate nella vostra libreria multimediale. La presenza di file inutilizzati può rallentare il vostro sito web. Inoltre, la gestione delle immagini diventerà sempre più difficile se non si esegue una pulizia di tanto in tanto.

È possibile ripulire facilmente la libreria multimediale di WordPress utilizzando un plugin per la pulizia delle immagini come wp-optimize o media cleaner.

Dai alle tue immagini un nome appropriato

Google dice che il nome del file può dare indizi sul soggetto dell'immagine. Sono anni che ci avverte di questo. Tuttavia, durante questo tempo, ci sono stati progressi che hanno portato Google a migliorare la sua capacità di riconoscere le immagini.

immagine del sito web

Ma i motori di ricerca non sono ancora perfetti, quindi bisogna "rendere facile" la comprensione delle immagini. Naturalmente, questo non significa sovraccaricarle di parole chiave, ma piuttosto inserire nomi di file semplici e descrittivi.

Usa i sottotitoli e un testo alt descrittivo

Iltesto alternativo descrive l'immagine ed è ciò che il browser mostra alle persone che usano uno screen reader. Inoltre, il browser mostra anche il testo alternativo se c'è un problema nella riproduzione delle immagini.

Nella scelta del testo alternativo è fondamentale creare contenuti utili e informativi che includano correttamente le parole chiave e siano in sintonia con il contesto della pagina. Naturalmente, è necessario evitare di inserire parole chiave nel testo alternativo.

Creare una mappa del sito dell'immagine

Google ha riconosciuto che le immagini sono una fonte di informazione essenziale per capire l'argomento del tuo sito. Assicurati di fornire ulteriori dettagli sulle immagini, e usa una mappa del sito per facilitare i motori di ricerca a trovarle.

 

Pensieri finali

Il SEO per le immagini è un argomento con molti punti da affrontare, e come abbiamo detto, Google fornisce molta documentazione da cui si può imparare. Tuttavia, in generale, dobbiamo assicurarci che le immagini possano contribuire a una buona esperienza utente, con una buona qualità, ma riducendo il loro peso il più possibile.

Diffondere l'amore

0 Commenti

Lascia una risposta

16 + 15 =

Altri grandi articoli

Guida SEO del sito web Magento

Magento SEO: Guida completa con 9 consigli utili

Magento è attualmente tra le piattaforme più scelte dai proprietari di siti di shopping online. Si tratta senza dubbio di un potente e-commerce CMS...

Leggi la storia
pagine orfane

Pagine orfane. Come individuarli e sistemarli in un secondo

Cos'è una pagina orfana? Chiamiamo Orphan Pages a quelle pagine web che non hanno un link a...

Leggi la storia
SEO On-Page

SEO On-Page: La guida definitiva

Quando si posiziona il proprio sito web, è necessario considerare una serie di fattori esterni e interni che influenzano le prestazioni SEO. Sulla pagina...

Leggi la storia
Arrow-up

Prima di andare...

Se non vuoi perdere nessun consiglio e aggiornamento da FandangoSEO, iscriviti alla nostra newsletter.

+5000 SEO fidati di noi, unisciti alla comunità