Migrazione del sito: Conseguenze e lista di controllo

Ad un certo punto, i proprietari del sito possono decidere di eseguire progetti di design del sito più significativi o di apportare alcune modifiche ai loro nomi a dominio. La trasformazione e la migrazione del sito sarebbero quindi necessarie affinché le modifiche richieste abbiano luogo. Una volta che il movimento ha avuto successo, un sito web può beneficiare di un design migliorato e di implementazioni tecniche, di una migliore esperienza utente e di una maggiore ricerca organica.

Cos'è la migrazione dei siti?

La migrazione di un sito è un evento in cui la piattaforma, il design, l'UX, l'HTTPS, la struttura, il contenuto o la posizione di un sito cambiano. I cambiamenti possono avere un impatto significativo sulla visibilità nei motori di ricerca. Quindi, è necessario considerare alcuni aspetti critici prima di effettuare i cambiamenti.

Migrare il vostro sito web su HTTPS

Il momento è arrivato. Dopo tutti gli avvertimenti di Google, gli avvisi sui browser e le pressioni dei vostri colleghi SEO e concorrenti, il vostro sito deve passare a una vita migliore e più sicura.

Sappiamo che una migrazione al protocollo HTTPS è un cambiamento importante che richiede uno sforzo significativo da diversi dipartimenti della vostra azienda. Non riguarderà solo il team SEO (e i KPI) o caricherà gli sviluppatori con un milione di requisiti. Ancora, avrà anche il dipartimento di marketing fare alcuni aggiustamenti nei loro canali e pagare per modificare le loro campagne. Infine, ma non meno importante, il consiglio di amministrazione dovrà essere avvertito di tutti i cambiamenti che il vostro sito subirà nelle prossime settimane. Preparateli ai nuovi dati prima di segnalare i cambiamenti della migrazione del sito.

Detto questo, ti consigliamo di spiegare i seguenti passi a tutte le parti coinvolte e di calmare qualsiasi dubbio relativo alle conseguenze di una migrazione web di questo tipo.

Le conseguenze di una migrazione HTTPS

Con l'acquisizione del certificato SSL, che ci dà la piattaforma per offrire una connessione completamente sicura per l'utente, dovresti cambiare il tuo sito web o CMS per utilizzare HTTPS in tutti i link e file statici. Con questo, non ci sarà nessuna pagina persa né lasciata orfana.

Cosa cambierà: URL, link interni, canonicals, rel prev/next, hreflang, e file statici (js, CSS, immagini).

Tenendo conto di tutto questo, il team SEO deve monitorare -e testare- l'intero processo per verificare la possibilità di un errore.

Dopo la migrazione, gli URL saranno nuovi, e per questo, avranno bisogno di un po' di tempo per raggiungere l'autorità. Anche i reindirizzamenti 301 non trasferiranno l'autorità del dominio al 100%, e quindi lavoreremo per rafforzare le nuove pagine in questo modo.

Conseguenze:

  • Google impiegherà alcuni giorni/settimane per indicizzare i nuovi URL nei risultati di ricerca, ma le vecchie pagine continueranno a comparire per qualche tempo, reindirizzando le nuove pagine. Poiché il Googlebot non visita ogni pagina immediatamente, sia l'URL HTTP che l'URL HTTPS esisteranno contemporaneamente per un certo periodo di tempo.
  • Quando le nuove pagine vengono indicizzate, si potrebbe verificare un calo temporaneo del ranking, con una conseguente perdita di traffico. Se segui la nostra lista di controllo, puoi evitare questo calo temporaneo.

I vantaggi della migrazione all'HTTPS

Migrare al protocollo sicuro può essere spaventoso a causa della possibilità di perdere visibilità e degli errori che possono verificarsi se non si imposta bene il processo, si monitora e si testa. Tuttavia, non c'è bisogno di farsi prendere dal panico perché:

  • Una volta che iniziamo a riprenderci, può spesso accadere che miglioriamo in modo significativo le nostre classifiche pre-migrazione!
  • Inoltre, Google compenserà i siti web che migrano al protocollo più sicuro, comprendendo che i reindirizzamentiHTTPS migliorano l'esperienza dell'utente. Per questo, accelerano e facilitano i recuperi di indicizzazione e ranking.
  • Un altro aspetto importante di questa mossa è che i motori di ricerca danno la priorità agli URL HTTPS perché sono migliori per l'utente. Dopo la migrazione, saremo ancora più competitivi nelle classifiche rispetto ai siti web che continuano con HTTP e competono per le stesse parole chiave.

protocollo https

Migrazione HTTPS Lista di controllo SEO

Quando si passa da HTTP al protocollo più sicuro, ci saranno molti requisiti SEO da seguire e molta concentrazione nel tenere sotto controllo ogni aspetto. Seguendo queste raccomandazioni chiave, avrete una base eccellente per affrontare il progetto:

  • Chiederemo ai redattori dei contenuti di cambiare i link interni del sito nelle situazioni in cui il link punta a una pagina reindirizzata o a una pagina che restituisce un errore 404 in modo che un link interno vada direttamente alla pagina finale senza passare per nessuna catena di reindirizzamento. Le catene di reindirizzamento ritardano il tempo di caricamento della pagina e danno a Google difficoltà nell'indicizzare i nuovi URL dopo la migrazione.
  • Configurate la Google Search Console sul nuovo dominio e assicuratevi che facciamo lo stesso per i nostri strumenti di monitoraggio.
  • Caricare le sitemaps .xml con i nuovi URL in Google Search Console per indicare a Google che abbiamo nuove pagine e quindi forzare l'indicizzazione.
  • Raccogli i dati prima della migrazione per garantire il corretto reindirizzamento di tutti gli URL del tuo sito web e il cambiamento dei tag HTML (canonicals, hreflang, ecc.). Dovrai eseguire un crawl con FandangoSEO prima della migrazione.
  • Una volta reindirizzato il sito al protocollo sicuro, sarà il momento di scansionare nuovamente il tuo sito web. Questa volta con il nuovo dominio in HTTPS per tracciare i cambiamenti con il nostro strumento di confronto di siti web. Questo è, senza alcun dubbio, il modo migliore per verificare se hai implementato la migrazione correttamente: avrai tutte le informazioni del tuo nuovo dominio, e sarà facile individuare eventuali errori grazie alle opzioni di confronto complete.
  • Monitorate le posizioni e il conteggio delle parole chiave e assicuratevi di aggiungere l'HTTPS a tutti gli strumenti di monitoraggio delle parole chiave SEO. Ricordate che sperimenterete una perdita di visibilità, ma questa dovrebbe recuperare con più presenza di prima.
  • Monitorare i KPI: visite e conversioni per lo più, ma varia a seconda del vostro modello di business.
  • Assicuratevi che anche il robots.txt sia migrato correttamente e che tutte le informazioni rimangano al loro posto.
  • Non dimenticare di cambiare anche gli URL dei tuoi annunci in Google My Business per il Local SEO.
  • E soprattutto, godetevi l'aumento delle visite e delle conversioni in un attimo 😉

Stai migrando verso HTTPS? Ci dia una prova:

  1. Scansiona il tuo sito web per avere un quadro completo del tuo stato attuale.
  2. Cogliete l'occasione per fare tutte le correzioni necessarie prima della migrazione per fornire un sito web pulito.
  3. Testate tutte le modifiche e il nuovo sito web in ambienti di staging.
  4. Una volta che il vecchio dominio è reindirizzato alla versione sicura, striscialo di nuovo per confermare che hai condotto una grande implementazione!

FandangoSEO è il tuo migliore amico per le migrazioni! 😉

Aiutami a migrare il mio sito

Arrow-up