HTML

Il contenuto delle pagine web viene definito attraverso il cosiddetto linguaggio HTML, che consiste in una serie di tag di markup. Qui spieghiamo cos'è l'HTML e i più importanti tag HTML che dovreste conoscere per il SEO. Imparate a usarli correttamente seguendo i nostri consigli di best practice.

Ma prima di tutto, iniziamo a guardare la definizione HTML.

 

Cos'è l'HTML?

Il codice HTML è il linguaggio utilizzato per definire il contenuto dei siti web. Consiste in una serie di tag che definiscono sia il testo che altri elementi della pagina (immagini, video, ecc.).

Si dovrebbe tenere presente che l'HTML non è un linguaggio di programmazione ma segni ipertestuali (Hypertext Markup Language, da cui la sigla HTML). Esso è scritto interamente attraverso tag, contenuti e attributi.

HTML

Importanti tag HTML per il SEO

I tag più importanti per l'ottimizzazione dei motori di ricerca sono i seguenti:

 

Titolo tag

Questo tag viene utilizzato per impostare il titolo cliccabile in blu sulle pagine dei risultati dei motori di ricerca. Anche se il titolo che apparirà dipende in ultima analisi da Google, il bot controlla questo tag per primo e, nella maggior parte dei casi, lo rende il titolo principale.

La raccomandazione è quella di includere nei risultati di ricerca le parole chiave per le quali si desidera inserire la classifica e rendere il titolo così accattivante che gli utenti non possono resistere all'ingresso nella pagina.

Tenete presente che Google mostra solo i primi 50-60 caratteri. Pertanto, si dovrebbe ottimizzare il tag del titolo in modo che non superi la lunghezza o che contenga le informazioni più rilevanti in quella prima parte. È inoltre essenziale essere creativi e scrivere titoli originali.

 

Meta descrizione tag

È possibile utilizzare i tag di metadescrizione per creare una descrizione all'interno del frammento che appare nei risultati della ricerca. La verità è che Google non sempre usa la meta descrizione per creare questi frammenti, ma se li usate, aumenterete le possibilità di ottenere il testo desiderato nella SERP.

A volte, Google mostra un pezzo di testo dalla pagina perché ritiene che corrisponda meglio a una query. Anche se non ci sono regole rigide per la metadescrizione, in generale, bisogna pensare che il motore di ricerca mostra solo 150-160 caratteri. È fondamentale inserire le informazioni più rilevanti ed emozionanti per il vostro pubblico di riferimento.

 

Immagine testo alt

Il testo alternativo dell'immagine permette agli utenti di comprendere meglio il contenuto dell'immagine, soprattutto per chi ha problemi di vista. È inoltre fondamentale consentire ai bot dei motori di ricerca di identificare l'immagine, poiché non possono vederla.

Ad un certo punto, potrebbe anche esserci un problema tecnico che impedisce la visualizzazione dell'immagine, nel qual caso il testo alternativo dovrebbe descrivere cosa c'è dentro.

Un ottimo testo alternativo sarà breve ma descrittivo. Dovrebbe contenere il numero minimo di parole necessarie per rendere chiaro il significato dell'immagine. Tuttavia, non bisogna essere troppo concisi, poiché è difficile descrivere correttamente un'immagine con una o due sole parole.

E naturalmente, non si dovrebbero usare i tag di testo alternativi per fare un riempimento di parole chiave, poiché questa è una pratica che non funziona più per il SEO.

 

<a> element

The HTML <a> element, also called the anchor element, creates links to other web pages, files, or locations within the same page, email addresses, or any different URL. In SEO, it is fundamental to work on the internal links apart from having good quality backlinks.

The hyperlink created by an anchor element is applied to a text, image, or other HTML content placed between the opening and closing <a> tags. Considering that the search engines cannot see the images, it is advisable to link the URLs with text instead of pictures. This leads us to talk about anchor text optimization.

L'anchor text è la parola visibile e cliccabile in un hyperlink HTML. Questo testo dovrebbe informare l'utente (e il motore di ricerca) sul contenuto della pagina collegata. Una buona pratica è quella di includere parole chiave rilevanti nel testo di ancoraggio per dare a Google più indizi sull'argomento della pagina.

On the other hand, by adding the right attributes in the <a> element, you can optimize your crawl budget. To this end, you can use the rel=nofollow. This attribute used to tell search engines to ignore the link and not pass authority to nofollow links. This practice is especially beneficial when linking to external sites, although Google stated that it only works as a hint and it does not prevent GoogleBot from crawling the linked page. The Nofollow Update began on March 1st, 2020.

Esempio di codice:


<a href="https://fandangoseo.com" rel="nofollow">SEO Crawler</a>

 

Schema di markup

Si tratta di una serie di tag sviluppati insieme da Google, Yahoo!, Bing e Yandex per dare informazioni aggiuntive ai motori di ricerca sui diversi tipi di pagine. I motori di ricerca li usano per migliorare le informazioni fornite nella pagina dei risultati di ricerca con ricchi frammenti.

Questi tag non garantiscono l'indicizzazione nelle SERP, ma certamente rendono i frammenti molto più attraenti, migliorando così il vostro CTR organico.

Pertanto, vi suggeriamo di visitare schema.org per vedere se ci sono tag applicabili ai tipi di pagine che si desidera evidenziare nei risultati della ricerca.

 

Meta robot tag

Il tag meta robot influenza il modo in cui il motore di ricerca interagisce su un sito web. È qui che i proprietari del sito possono dare direttive ai bot per eseguire la scansione e indicizzare le loro pagine in un modo particolare. I tag più comunemente usati sono i seguenti, nofollow, index, noindex.

Alcune di queste regole sono "obbligatorie", altre sono solo suggerimenti. Non tutti i crawler rispettano i meta tag dei robot, ma i motori di ricerca di solito lo fanno. Inoltre, se non si aggiunge alcuna direttiva, il crawler agirà liberamente. Questo, tra le altre cose, complicherà un buon uso del vostro budget per i crawl.

È essenziale posizionare il tag meta robot nella sezione di intestazione del codice della pagina, indicando le istruzioni che devono essere applicate.

Motore di ricerca bot

Tag canonico

Il tag canonico aiuta ad evitare problemi di duplicazione dei contenuti. Qualsiasi pagina può avere più URL, anche quando il proprietario del sito non intende farlo.

Google non penalizza direttamente per questo, ma influisce sulle prestazioni SEO della pagina. Quando si hanno contenuti molto simili in diversi URL, i motori di ricerca hanno difficoltà a spendere il proprio budget di crawl e ad assegnare la corretta autorità di pagina.

Pertanto, si dovrebbe collocare l'etichetta canonica nelle pagine seguenti:

  • Quelli con contenuti molto simili
  • Pagine accessibili attraverso diversi URL
  • Pagine dinamiche che creano i loro parametri URL

 

Da H1 a H6

Questi tag indicano diversi livelli di titoli, da 1 a 6, sia per il lettore che per il motore di ricerca. Danno la possibilità di evidenziare l'importanza dei titoli all'interno del testo e di strutturarne il contenuto.

Quando si tratta del lettore, quasi nessuno legge più un articolo completo, ma cerca direttamente la sezione per trovare le informazioni esatte che cerca. E i tag di intestazione sono di grande aiuto in questo senso.

Si consiglia di dividere l'articolo in piccole sezioni e di mantenere un formato coerente. Si consiglia inoltre di non utilizzare più di una rubrica H1, perché è quella che il motore di ricerca considera come titolo principale.

In generale, la struttura di un articolo non dovrebbe essere troppo profonda; infatti, raramente è necessario andare oltre l'H3. Infine, vale la pena di formulare titoli simili alle domande, in modo che gli utenti capiscano che troveranno la risposta alla domanda sottostante.

 

Aprire i tag del grafico

Itag Open Graph permettono ai social network di conoscere gli elementi principali da visualizzare quando un articolo esterno viene condiviso su di essi.

Vengono aggiunti ai social network (Facebook, Twitter e LinkedIn) e alle applicazioni di messaggistica più popolari (WhatsApp, Telegram e Slack).

In questo caso è sempre necessario aggiungere almeno le seguenti proprietà Open Graph:

  •   og:url
  •   og:titolo (55-60 caratteri)
  •   og:descrizione (60-65 caratteri)
  •   og:immagine (almeno 1200 x 630 pixel, e un massimo di 8 MB)

Ed è importante assicurarsi che il titolo e la descrizione sui social network corrispondano al contenuto.

Arrow-up