XML Sitemaps

Le sitemap probabilmente suonano molto familiari perché di solito sono quel link che si trova nel footer di qualsiasi sito web, giusto? Tuttavia, questa non è l'unica sitemap che dovete conoscere. Ce n'è un'altra che elenca tutte le pagine che avete sul vostro sito, ed è accessibile solo ai webmaster. Dato che le XML Sitemaps sono piuttosto tecniche, indaghiamo questo argomento in dettaglio.

Cosa sono le Sitemap XML?

Una Sitemap XML è un file XML che elenca tutti gli URL di un sito web che caricherete su Search Console per inviare gli URL a Google e tracciare la loro indicizzazione. Ogni URL sarà accompagnato da parametri che dicono ai motori di ricerca come interagire con ogni singola pagina. Guardiamo un esempio di XML Sitemap di sitemaps.org che utilizza diversi parametri; li analizzeremo in seguito.


<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"

<urlset xmlns="http://www.sitemaps.org/schemas/sitemap/0.9">    <url>       <loc>http://www.example.com/</loc>       <lastmod>2005-01-01</lastmod>       <changefreq>monthly</changefreq>       <priority>0.8</priority>    </url>    <url>       <loc>http://www.example.com/catalog?item=12&amp;desc=vacation_hawaii</loc>       <changefreq>weekly</changefreq>    </url>

   <url>       <loc>http://www.example.com/catalog?item=73&amp;desc=vacation_porto</loc>       <lastmod>2004-12-23</lastmod>       <changefreq>weekly</changefreq>    </url>

   <url>        <loc>http://www.example.com/catalog?item=74&amp;desc=vacation_paris</loc>       <lastmod>2004-12-23T18:00:15+00:00</lastmod>       <priority>0.3</priority>    </url>

</urlset>

Oltre all'elenco degli URL, potete vedere questi altri elementi che possono essere rilevanti per la vostra strategia SEO:

  • Priorità: questo dirà a Google quali pagine sono più importanti durante la scansione di un sito. Google non ne terrà sempre conto, ma è essenziale per presentare un sito più strutturato. La maggior parte delle volte, i motori di ricerca controllano solo il robots.txt e vanno avanti con la scansione. Questo valore va da 0,0 a 1, dove 1 è la pagina più importante: la tua Home. Questo non ha alcuna influenza sulle classifiche.
  • Changefreq: questo dice ai motori di ricerca quante volte questa pagina è destinata a cambiare, quindi il bot di Google dovrebbe venire a visitare una pagina più spesso di altre (seguendo la frequenza indicata).
  • Lastmod: logicamente, è quando la pagina è stata modificata per l'ultima volta. Ma Google non presterà altrettanta attenzione a questo a meno che non si tratti di un giornale digitale o di qualcosa in cui le ultime notizie avranno un impatto maggiore.

Questi parametri sono opzionali, ma ricordate che dovete sempre includere l'urlset per incapsulare il file, il tag url per introdurre il blocco di informazioni di un URL e un loc per digitare l'URL vero e proprio.

Ora sai che la Sitemap XML non ha nulla a che fare con quella a piè di pagina che elenca alcuni link, giusto? Quella si chiama Mappa del sito HTML.

Qual è il limite dell'URL di una Sitemap XML?

Un file XML può pesare solo 10 megabyte, con un limite di 50.000 URL per Sitemap XML. Se stai lavorando con siti web enormi, dovrai dividerli in diversi file, che possono anche essere divisi per categoria per mantenere le tue pagine web più organizzate. È bene averli separati, quindi questa limitazione di URL è in realtà una buona scusa per organizzare i vostri set di pagine.

Ma perché è bene separare le pagine in gruppi? Grazie alle XML Sitemaps segmentate, puoi individuare facilmente i problemi di indicizzazione su Google Search Console. Se vedete una categoria che perde pagine indicizzate, sarete in grado di individuare il problema più facilmente in una sezione più piccola rispetto a quando vedete un calo globale, e non si può davvero trovare quali pagine sta influenzando guardando l'intero quadro.

Allo stesso modo, supponiamo di analizzare i siti web per categoria. In questo caso, è più facile individuare le tendenze in modo da poter identificare la strategia o la tecnologia che interessa quel gruppo e applicarla alle altre pagine.

Trova altri consigli SEO su come ottimizzare la tua sitemap XML nel nostro post sul blog.

Quando hai bisogno di una Sitemap dell'indice XML?

Quindi, sulla base di quanto detto sopra, quando si dispone di un sito web di grandi dimensioni che necessita di molteplici sitemap perché ci sono più di 50.000 URL, è necessario caricare anche un indice di sitemap. Ecco un esempio di indice XML Index Sitemap per due sitemap.


<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>

<sitemapindex xmlns="http://www.sitemaps.org/schemas/sitemap/0.9">

   <sitemap>       <loc>http://www.example.com/sitemap1.xml.gz</loc>       <lastmod>2004-10-01T18:23:17+00:00</lastmod>    </sitemap>

   <sitemap>            <loc>http://www.example.com/sitemap2.xml.gz</loc>            <lastmod>2005-01-01</lastmod>     </sitemap>

</sitemapindex>

Quali siti web hanno bisogno di una Sitemap XML?

Fondamentalmente, ogni sito web deve avere almeno una Sitemap XML: dal più piccolo al più grande, soprattutto quest'ultimo. Aiuta a tenere traccia di quante pagine formano un sito web, e si può confrontare questo numero di URL con quelli che vengono effettivamente indicizzati!

Ci sono altri tipi di sitemap dove è possibile indicizzare immagini o video.

Quali pagine dovrebbero essere nella tua Sitemap XML?

Continuiamo a dire che devi elencare tutti i tuoi URL nel file XML, ma questo supponendo che quelle pagine siano effettivamente rilevanti per la tua strategia. Prima di elencare qualsiasi URL, si desidera eseguire una scansione del sito web con FandangoSEO per identificare le pagine che restituiscono un codice di risposta HTTP 200 (cioè, sono OK).

Evita di elencare pagine che restituiscono pagine non trovate 404 o reindirizza 301 o 302, perché questo confonderebbe i motori di ricerca e, sai, nessuno vuole farlo.

Come fare in modo che Google trovi una Sitemap XML?

Una volta creato il file o i file, è possibile caricare la Sitemap XML su Google Webmaster Tools per avviare il monitoraggio dell'indicizzazione e per individuare qualsiasi calo o aumento significativo delle pagine indicizzate (si spera che sia il secondo 😉).

mappa del sito xml

Ricordate che la prima cosa che un motore di ricerca fa quando si trova un sito web su Internet è quello di controllare il file robots.txt, quindi se volete essere sicuri che la vostra sitemap sia facilmente reperibile, c'è la possibilità di aggiungere l'URL della sitemap anche lì.

Generare le Sitemaps XML

Ci sono un sacco di informazioni in questo articolo, e tutto sembra abbastanza travolgente; lo sappiamo. Ecco perché FandangoSEO ha creato un facile Generatore di Sitemaps XML sul cloud, che li genera automaticamente, e in pochi click sono pronti per essere caricati! Oh, e non preoccuparti della limitazione di 50.000 URL - una volta raggiunto questo numero di pagine, salterà ad un altro file XML, e avrai l'intero sito web elencato correttamente in un batter d'occhio!



Crea una SEO-boosting XML Sitemap in meno di un minuto con FandangoSEO

Prova gratuita per 14 giorni

Accesso completo a tutte le nostre funzioni. Nessun obbligo di sorta.

Per iniziare

Arrow-up