Tasso di rimbalzo

Qual è la frequenza di rimbalzo?

La frequenza di rimbalzo misura la percentuale di utenti che arrivano al sito web e non fanno nulla sulla pagina in cui sono entrati. Cioè, sono utenti che non cliccano su nessun elemento o link all'interno del sito web.

In altre parole, l'utente rimbalza quando non interagisce con la pagina e termina la sua visita entrando solo in una pagina del sito. Come si può intuire, questa metrica è usata come indicatore della qualità di un sito web. Permette anche di verificare se la pagina risponde all'intento dell'utente.

Persone che usano la casella di ricerca per la query

Fate attenzione a non confondere la frequenza di rimbalzo con la frequenza di uscita. La seconda si riferisce alla percentuale di utenti che cliccano via da una particolare pagina dopo aver visitato altre pagine del tuo sito. In altre parole, informa sugli utenti che decidono di terminare la loro visita al sito web su quella specifica pagina.

Il modo più semplice per misurare la frequenza media di rimbalzo è quello di utilizzare Google Analytics. Accedi allo strumento, clicca su Audience e poi su Overview. Lì sarai in grado di accedere a una varietà di metriche preziose, tra le quali puoi scegliere la frequenza di rimbalzo complessiva dell'intero sito o quella di una singola pagina.

Se vuoi un'analisi globale, clicca sulla frequenza di rimbalzo, e accederai a un grafico che mostra la sua evoluzione durante un certo periodo (che puoi cambiare nell'angolo superiore destro della pagina).

E se vuoi conoscere la frequenza di rimbalzo di una singola pagina, segui il percorso Comportamento > Comportamento del sito > Tutte le pagine. Vedrai un elenco di tutte le pagine del tuo sito web e le percentuali di rimbalzo per ciascuna di esse.

 

Perché è importante per il SEO?

Molte persone si pongono la stessa domanda: la frequenza di rimbalzo è un fattore di ranking?

Per Google prendere in considerazione i dati di GA nell'analisi dei siti web sarebbe certamente pericoloso. Non bisogna dimenticare che se questo strumento non è implementato nel modo giusto, non ci si può fidare dei dati che fornisce. Inoltre, manipolare la frequenza di rimbalzo è molto facile.

Fortunatamente, varie fonti di Google hanno confermato la stessa cosa: il motore di ricerca non considera i dati di Google Analytics per il suo algoritmo.

Tuttavia, bisogna fare attenzione a questo argomento. È fondamentale assicurarsi che gli utenti che arrivano al sito dalla pagina dei risultati del motore di ricerca non vi ritornino(Pogo-Sticking). Il motivo è che questo può influenzare la posizione di classifica del tuo sito web.

Per un SEO di successo, è essenziale ottimizzare tutti gli aspetti di un sito web. Ed è per questo che si dovrebbe prestare attenzione alla frequenza di rimbalzo in quanto la riduzione di questa metrica aiuta a raggiungere questo obiettivo (che si traduce, naturalmente, in una migliore posizione nelle SERP).

 

Come ridurre la frequenza di rimbalzo

Conoscete già il significato della frequenza di rimbalzo e l'importanza di questa metrica. Non resta che vedere come collocarla in parametri che non siano eccessivamente dannosi per il tuo sito.

ottimizzazione dei motori di ricerca

La verità è che c'è solo un modo per ridurre la frequenza di rimbalzo, che è quello di aumentare il coinvolgimento della pagina. D'altra parte, ci sono due modi di analizzare la frequenza di rimbalzo del sito web: uno dal punto di vista del traffico del sito web e l'altro dalla pagina.

Quando certe fonti di traffico mostrano alte percentuali di rimbalzo, devi pensare alle aspettative delle persone che arrivano al tuo sito da lì.

Facciamo un esempio: diciamo che pubblichiamo una pubblicità su un sito esterno, e la maggior parte degli utenti che visitano la pagina e rimbalzano provengono da quella pubblicità. Ovviamente, abbiamo fatto qualcosa di sbagliato. Non abbiamo dato loro quello che si aspettavano.

In questo caso, dovremo rivedere l'annuncio che abbiamo pubblicato e vedere se corrisponde a ciò che offriamo nella pagina a cui si riferisce.

Immaginiamo ora che la pagina sia in sintonia con ciò che gli utenti si aspettano, eppure ha un tasso di rimbalzo indesiderato. È il momento di guardare il sito stesso, poiché il problema è lì. A tal fine, dobbiamo analizzare diversi aspetti:

  • Contiene link ad altre pagine? E post correlati?
  • È un sito web con una buona usabilità?
  • Include una chiamata all'azione nella metà superiore della pagina?
  • Il menu è facile da usare?
  • Incoraggia gli utenti a continuare la ricerca all'interno dello stesso sito?

Non c'è altra scelta che guardare questi elementi e ottimizzarli per ottenere una frequenza di rimbalzo ragionevole. Vale a dire, uno che sia molto basso.

Arrow-up