Canonica

Sapere come usare correttamente il tag canonical è essenziale per il SEO. Qui ti spieghiamo tutto quello che devi sapere su questo tag e come usarlo per migliorare le tue prestazioni sul web.

Che cos'è un canonico

Un tag canonico è un elemento HTML che indica a Google o ad altri motori di ricerca che una pagina specifica dovrebbe essere vista prima di un'altra che ha esattamente lo stesso contenuto. Usando questo tag, nasconderai automaticamente le altre pagine ai motori di ricerca, ma le manterrai comunque visibili ai visitatori.

Ma perché dobbiamo farlo? Bene, una delle migliori pratiche SEO per qualsiasi sito web che vuole aumentare le sue classifiche è... evitare i duplicati! Quindi, dicendo a Google quale pagina guardare, gli impediremo di penalizzare il nostro sito per avere contenuti duplicati. Sembra logico, giusto?

Detto questo, come esperti di SEO, vogliamo prima di tutto trovare e tenere traccia di tutte le pagine duplicate che hanno bisogno di implementare questo rel=canonico sulla loro intestazione HTML. In secondo luogo, dovremo assicurarci che il nostro sito non abbia canonizzazioni errate, e correggerle (non preoccupatevi, ci arriveremo). In definitiva, vogliamo vedere una struttura chiara con duplicati zero -visibili -visibili.

 

Cos'è un'etichetta canonica in SEO?

Come abbiamo già detto, un canonical è un tag che mettiamo nell'intestazione HTML di ciascuna delle pagine duplicate, che indica ai motori di ricerca a quale delle pagine duplicate devono prestare attenzione. Ma perché i canonicals sono importanti per il SEO? Ogni ottimizzatore di motori di ricerca si preoccupa di come Google scansiona e indicizza le sue pagine, ed è per questo che conduciamo costantemente audit di siti web, per individuare i problemi e risolverli.

I siti web devono offrire qualità e contenuti originali. I motori di ricerca comprendono che i siti che hanno contenuti duplicati non forniscono informazioni rilevanti ai loro visitatori e quindi non li classificano come altamente qualificati.

I contenuti duplicati si presentano regolarmente, ad esempio per molteplici motivi:

  • URL sbagliati = wwwww non-wwwww
  • Trail slashes = mypage.com/home Vs. mypage.com/home/
  • Pagine sicure = https Vs. http

Poiché questo è un problema importante, vogliamo evitare di generare questo tipo di pagine e correggere il maggior numero possibile di quelle esistenti, aggiungendo loro un tag canonical. A volte, evitarli è impossibile, quindi i canonici dovranno essere implementati dal primo giorno.

Diamo un'occhiata ad alcuni usi canonici:

Esempio 1: Stai gestendo un sito di e-commerce C2C, e tre diversi utenti stanno vendendo un iPad Mini 16GB, quindi probabilmente copieranno la descrizione di uno esistente. Quindi, per evitare di duplicare i contenuti, dovremo dare priorità a uno di essi.

Esempio 2: Quando c'è la paginazione per la stessa categoria e non vuoi che il numero 2, 3, 4, 4, ecc. siano indicizzati. Dovrete applicare un canonico per indirizzare i motori di ricerca alla pagina principale (vedi come applicare il codice qui sotto).

Esempio 3: state vendendo delle scarpe e avete un paio di stivali di pelle fresca. Il problema qui è che vorrai inserirli sotto la categoria "stivali" e la categoria "pelle"; ma è la stessa pagina, due volte. Quindi dovrai dire a Google quale è più importante.

 

Che cos'è la canonizzazione?

Ma come fanno gli specialisti SEO a scegliere l'URL canonico principale? La canonizzazione è il processo di selezione dell'URL che sarà considerato prioritario. Ogni SEO Specialist ha la propria strategia, ma in generale, guarderemo le visite, la struttura (dando priorità alle pagine più vicine alla casa), il numero di link in entrata, l'autorità, e così via.

Attenzione ai canonici non corrispondenti perché possono causare un ciclo canonico; ciò significa che il vostro sito confonderà il bot di Google. Assicurati sempre che i tuoi canonici siano ben implementati, puntando a pagine esistenti e con un codice di stato di 200 (evitando qualsiasi codice di reindirizzamento).

Per garantire la corretta implementazione, dovrai analizzare il tuo sito web con un SEO Crawler. FandangoSEO può essere un grande alleato per fare questo. Con il nostro strumento, sarete in grado di identificare tutti i vostri canonici, vedere se ci sono pagine duplicate che non ce l'hanno o se puntano a un URL sbagliato. La piattaforma vi aiuterà a risolvere qualsiasi problema utilizzando le istruzioni in-app! 🙂

 

Come utilizzare i tag canonici

Ora, passiamo all'argomento con un approccio piu' tecnico. Abbiamo parlato di tag e URL, ma..... che aspetto ha questo?

Piano. Digitare l'URL preferito in questo tag:

<link rel=”canonical” href=”http://www.original-URL.com/”/>

tag canonici
IMPORTANTE: È necessario incollare lo stesso codice in tutte e tre le pagine, nell'intestazione HTML.

Migliori pratiche per i tag canonici

Segui questi consigli quando indichi la versione canonica di una pagina:

Implementa un singolo tag canonico per ogni pagina

Se una pagina contiene diversi tag canonici, il motore di ricerca li ignorerà tutti. Assicurati di assegnare un solo rel=canonical alla pagina che consideri la fonte di informazione preferita.

Utilizzare URL minuscoli

Il motore di ricerca può trattare gli URL maiuscoli e minuscoli come due diversi, quindi assicuratevi di forzare gli URL minuscoli sul server e poi usare gli URL minuscoli per i tag canonici.

Scegliere la giusta versione del dominio

Una volta che si passa a SSL, è importante non includere alcun URL non HTTPS nei tag canonici, in quanto ciò può creare confusione e può portare a risultati inaspettati.

Utilizza URL assoluti

Non è consigliabile utilizzare percorsi alternativi con l'elemento link rel= "canonical".

Dovreste usare la seguente struttura:

<link rel=canonical “href=”https://example.com/sample-page/”/>

Invece di questo:

<link rel=“canonical” href=”/ sample-page/”/>

Utilizzare i tag canonici autoreferenziali

Si consiglia di utilizzare i tag canonici autoreferenziali, anche se non è obbligatorio. Essi chiariscono quale pagina si vuole indicizzare o quale dovrebbe essere l'URL quando viene indicizzata.

Un canonico autoreferenziale è un tag canonico su una pagina che punta a se stessa. La maggior parte dei moderni CMS aggiunge automaticamente gli URL autoreferenziali, ma deve essere codificato da uno sviluppatore se si utilizza un CMS personalizzato.

 

Come implementare i tag canonici

In seguito, vedremo ciò che il principali modi per implementare i tag canonici sono:
HTML

Usare i tag HTML rel = "canonical

The easiest way to point to a canonical URL is the rel=canonical tag. The only thing to do is to add the following code to the <head> section of the duplicate page:

<link rel=”canonical” href=”https://example.com/canonical-page/”/>

Posizionamento nelle intestazioni HTTP

For example, in the case of PDF documents, there is no possibility of placing canonical tags in the page header because there is no page <head> section. In this case, you must use HTTP headers to set the canonical ones.

Attraverso i link interni

A seconda di come collegate le vostre pagine, date anche informazioni su quale sia la vostra pagina canonica. Più coerente è il tuo collegamento interno, più facile sarà per il motore di ricerca determinare l'URL canonico. Inoltre, Google considera HTTPS preferibile a HTTP.

Pertanto, ci dovrebbe essere coerenza tra i tag canonici implementati e il linking interno. Altrimenti, Google potrebbe ignorare il tuo suggerimento di una pagina canonica e potrebbe invece selezionarne un'altra.

Attraverso le sitemaps

Le pagine non canoniche non dovrebbero apparire sulle sitemaps. Google ha dichiarato questo, quindi le sitemap dovrebbero contenere solo gli URL canonici. Questo non significa che gli URL della sitemap siano garantiti per essere considerati canonici, ma è un modo semplice per definire quelli canonici su un sito grande.

Con i redirect 301

Dovresti usare i redirect 301 per deviare il traffico da un URL duplicato alla sua versione canonica.

 

Come evitare gli errori comuni di canonicalizzazione

La canonicalizzazione è una questione complessa, quindi gli errori possono verificarsi frequentemente. Vediamo i principali e come evitarli:

Bloccare l'URL canonico con robots.txt

Evitate di bloccare gli URL canonici tramite i file robots.txt perché Google non scansionerà la pagina. Controllate due volte le direttive che date nel robots.txt per evitare problemi canonici.

Impostare l'URL canonico come "noindex

Non mischiate mai "noindex" e rel = canonical perché sono istruzioni che si contraddicono a vicenda.

Google darà la priorità al tag canonical rispetto al "noindex", ma questa non è una buona pratica. Per evitare l'indicizzazione o per rendere una pagina canonica, si dovrebbe usare il redirect 301. Altrimenti, sarebbe meglio implementare il rel=canonical.

Impostare un codice di stato HTTP 4XX nell'URL canonico

È fondamentale evitare il codice di stato HTTP 4XX per un URL canonico perché avrà lo stesso effetto del tag "noindex". In altre parole, Google non vedrà il tag canonico e non trasferirà il valore del link alla versione canonica.

Canonicalizzare tutte le pagine alla pagina principale

Non canonicalizzare le pagine paginate alla prima pagina paginata della serie. Tuttavia, dovresti usare canoniche auto referenziate su tutte le pagine paginate.

Non usare i tag canonici con hreflang

Google ha avvertito che quando si usa hreflang, si dovrebbe specificare una pagina canonica nella stessa lingua o la migliore lingua sostitutiva possibile se non esiste una pagina canonica per la stessa lingua.

Having a rel = canonical on the <body>

The rel = canonical should only appear in the <head> of the document. If there is a canonical tag in the <body> section of a page, search engines will ignore it. This can also be confusing when they crawl a document.

 

Pronto a combattere i tuoi contenuti duplicati?

Controlla i canonici ora

Arrow-up