Grafico aperto

Quando si tratta di posizionare i contenuti, i social network possono diventare grandi alleati. Ma per fare questo, l'utente deve cliccare su di essi, e questo è qualcosa che può non accadere se non si mostra loro un'immagine, un titolo, ecc. che attiri la loro attenzione.

E questo è un argomento in cui i tag Open Graph hanno molto da dire. Ecco perché qui vi spiegheremo in cosa consistono questi tag e come possono aiutare a migliorare le vostre classifiche.

Grafico aperto

 

Cos'è Open Graph?

A volte, quando si pubblica un post su un social network, le informazioni che appaiono non sono le più appropriate, né il titolo né l'immagine o la descrizione corrispondono. Il motivo è che il social network non sa quale sia il titolo o l'immagine principale di quel post, né ne comprende l'argomento.

Ebbene, il protocollo Open Graph è proprio la soluzione a questo problema. Si tratta di tag aggiunti al codice HTML della pagina. L'utente non può vederli, ma aiuta il social network a conoscere gli elementi principali dell'articolo. In altre parole, indicano la struttura del post.

È possibile aggiungere tag Open Graph per decidere quali elementi visualizzare nei social network come Facebook, Twitter e Linkedin. Funziona anche su applicazioni come WhatsApp, Slack e Telegram.

Sono anche noti come tag sociali, e sono di importanza cruciale per il posizionamento dei contenuti nei social network. Vediamo perché.

 

Perché Open Graph va bene per il SEO?

Sì, i tag Open Graph migliorano il posizionamento SEO, e per semplici ragioni. Soprattutto perché rendono più facile attirare l'attenzione dell'utente, creando ricche schede sociali.

Mostrando l'immagine, il titolo e la descrizione più accattivante, si migliorano le possibilità dell'utente del social network di notare la pubblicazione. In altre parole, è più probabile che finiscano per cliccare, e il risultato è un miglioramento del traffico verso il sito di social network.

Inoltre, questi tag sociali servono a ottimizzare i contenuti che vengono condivisi nei social network.

Perché? Per lo stesso motivo: perché riusciamo a controllare come i nostri frammenti di URL vengono mostrati nei social network. In questo modo, generiamo le cosiddette Facebook card, Twitter card e altre anteprime di contenuti sui social network.

 

Come implementare il protocollo Open Graph

Facebook è lo sviluppatore del protocollo Open Graph, e Twitter ha la sua versione di questo tag. Come abbiamo indicato, questi tag possono essere utilizzati anche in LinkedIn, WhatsApp, Slack e Telegram.

Detto questo, come vengono implementati questi tag? Lo si fa aggiungendoli al codice HTML nella sezione 'head'.

Può essere fatto manualmente, ma di solito si trovano plugin per aggiungere Open Graph quando si gestisce la pagina attraverso un CMS. Altrimenti, uno sviluppatore può creare funzionalità per questo scopo.

Ora parliamo della parte tecnica di questo argomento. Ci sono quattro proprietà di Open Graph che sono sempre richieste:

  •   og:url
  •   og:titolo
  •   og:descrizione
  •   og:immagine

Indicando i dati relativi a URL, titolo, descrizione e immagine, Facebook sa quali informazioni mostrare quando i contenuti vengono condivisi.

Esempio di grafico aperto

Detto questo, ci sono altre due proprietà che consigliamo di implementare per fornire maggiori informazioni sul contesto del contenuto:

  •   og:type (tipo di contenuto, come prodotto, profilo, ecc.).
  •   og:locale (regione di destinazione della pagina).

 

Grafico aperto Migliori pratiche

Quando si lavora con Open Graph, è conveniente seguire i seguenti suggerimenti:

  •   Almeno si dovrebbero definire le proprietà richieste di Open Graph, ma idealmente, si dovrebbero anche implementare quelle raccomandate.
  •   L'og:titolo non deve superare i 55-60 caratteri.
  •   L'og:descrizione non deve superare i 60-65 caratteri.
  •   Per quanto riguarda l'og:image, si dovrebbero utilizzare immagini di alta qualità, con dimensioni minime di 1200 x 630 pixel. La dimensione del file non dovrebbe superare gli 8 MB.
  •   Una volta che il markup è pronto, è necessario testarlo attraverso il debugger Open Graph per ottenere un'anteprima del frammento e assicurarsi che tutti gli elementi siano completi. Dovrebbe essere regolato e riaggiustato fino a quando non ha un bell'aspetto. Il frammento sarà anche messo in cache, in modo da essere visualizzato correttamente la prima volta che lo si condivide.
  •   Se volete che Facebook mostri un nuovo frammento dopo aver commesso un errore e averlo corretto, andate sul debugger di Facebook Open Graph e cliccate su 'Fetch new scrape information'. Questa pratica aggiornerà la cache. Tuttavia, l'immagine non viene aggiornata automaticamente, ma è necessario definire un nuovo URL og:image e poi cliccare su 'Fetch new scrape information'.
  •   Usare og: immagine: larghezza e og: immagine: altezza per consentire il caricamento dell'immagine corretta subito dopo la prima condivisione.
Arrow-up