Reindirizza

Uno dei pilastri del SEO è quello di fornire informazioni rilevanti ai visitatori. Pertanto, gli esperti SEO vogliono continuare ad aggiornare il contenuto e la tecnologia delle pagine visualizzate sulle SERP (Search Engine Results Pages) per stare al passo con le ultime tendenze.

Di conseguenza, molte pagine diventano obsolete ad un certo punto e non accettano più modifiche. In questi casi, dovremo creare una nuova pagina con una tecnologia molto più ottimizzata, per esempio , utilizzando il protocollo HTTPS o presentando un URL più pulito.

Questo sembra abbastanza logico e facile, ma. Tuttavia, richiede uno sforzo perché comporta un sacco di analisi e di lavoro per passare le informazioni da uno all'altro. Scaviamo un po' più a fondo in questo argomento.

 

Cos'è un reindirizzamento?

Un redirect è un codice di stato HTTP assegnato alla pagina corrente/vecchia, che dice a Google di visualizzare invece quella più recente. Quindi, fondamentalmente, aggiungi un redirect nel tuo webserver per indicare il nuovo URL che sostituirà quello vecchio. Quindi, i motori di ricerca visualizzano la pagina più recente sul browser del visitatore al posto di quella vecchia.

In sostanza, indirizza automaticamente i visitatori a un'altra pagina senza che se ne accorgano; beh, non dovrebbe essere visibile, ma di questo parleremo più tardi. Riassumendo: lo stesso sito web invierà sia i visitatori che i motori di ricerca a un URL diverso da quello che l'utente ha digitato sul suo browser o scelto tra i risultati di Google.

 

Tipi di reindirizzamento

Ci sono diverse possibilità di reindirizzamento. Diamo un'occhiata ai redirect più comuni per il SEO e capiamo le loro caratteristiche.

reindirizza

301 Reindirizzamento

Vorrai usare questo quando la pagina che stai reindirizzando è la versione finale che vuoi mostrare sui motori di ricerca. Riassumendo, un reindirizzamento 301 è permanente e sarà preso in considerazione da Google e da altri motori di ricerca.

Cos'è un reindirizzamento 302?

Ora che sappiamo come funziona il redirect 301, è difficile credere che ci siano altri tipi perché quello ha molto senso. Ma molte pagine richiedono URL temporanei, per esempio:

  • Promozioni speciali che scadono presto.
  • Quando un webmaster vuole che la pagina iniziale visualizzi un URL pulito ma la versione reale è lunga (e brutta), anche se ha un sacco di autorità. La soluzione è aggiungere un reindirizzamento 302 per mostrare un URL carino, che la gente avrà voglia di condividere, ma che comunque indicizzi quello più vecchio -e più potente-.
  • Quando si ha temporaneamente bisogno di ospitare una pagina da qualche altra parte, sapendo che la posizione finale sarà quella originale.

In questi casi, vogliamo reindirizzare temporaneamente gli utenti usando un 302, ma desideriamo ancora che i motori di ricerca scansionino la pagina originale.

Altri tipi

Un reindirizzamento 307 è un altro reindirizzamento temporaneo, ma non è rilevante per la vostra strategia SEO, né è Meta Refresh. Quindi cerca di attenersi ai redirect 301 o 302.

Come reindirizzare 301

Nell'ottimizzazione dei motori di ricerca, qualsiasi azione importante inizia con un'analisi completa. Ecco un elenco di elementi da tenere a mente prima di reindirizzare una pagina:

  • Cercate i link in entrata alla pagina, sia interni (dallo stesso sito) che esterni (da altri siti). Vuoi puntare quelli interni alla pagina più recente e aggiornare i link in entrata esterni per mantenere l'autorità del sito.
  • Vorrai controllare gli outlink (i link della pagina che puntano al tuo sito) e gli outbound link (quelli che mandi ad altri siti web). Ricorda che alcune pagine fanno affidamento sul link juice che questa pagina sta inviando loro. 😉
  • Controlla i canonici. Non vuoi puntare a una pagina che viene reindirizzata. Regola questo tag HTML sulle pagine che hanno un canonical che punta a questa pagina.
  • Una volta che avete fatto tutta questa analisi e avete riorganizzato i link e i canonici, potete iniziare a implementare il 301. Non fare alcun cambiamento prima di essere sicuro di inviare lo stesso link juice alla pagina più nuova.
  • Eseguite un crawl per controllare che tutti gli elementi siano stati implementati correttamente.
  • Riposizionare le Sitemaps XML e caricare il nuovo elenco su Google Search Console.

Ricorda che FandangoSEO può aiutarti a velocizzare l'intero processo assistendoti durante l'analisi, il test di nuove pagine e la generazione di sitemaps XML.

Puoi anche trovare altri consigli SEO sul nostro post del blog su come implementare correttamente i redirect.

 

Come faccio a reindirizzare un sito web?

Oltre a seguire la guida precedente, non dimenticate di usare questi suggerimenti per reindirizzare un sito web:

  • Non passare a un nuovo dominio prima di aver impostato tutti i reindirizzamenti del 301. Non volete che Google faccia il crawl di un sito web senza collegamenti e duplicati di contenuti, giusto?
  • Impostate i redirect 301 tra http:// e le versioni http://www del vostro dominio. Questo è qualcosa che spesso dimentichiamo, ma è un must nel SEO.
  • Evitare le catene di reindirizzamento (ne parleremo più avanti).
  • È inoltre possibile utilizzare la Google Search Console per comunicare a Google che un intero dominio è cambiato in un altro.
  • Notate che questa è una pagina nuova di zecca per Google, quindi ci vorrà un po' di tempo per posizionarla in alto come quella vecchia. Ecco perché è così importante pianificare la vostra strategia SEO per una migrazione di successo del sito web.

 

I reindirizzamenti sono un male per il SEO?

Quando si esplora il sito, i redirect non sono il miglior codice di risposta che si possa mostrare a Google, ma sono necessari in molti casi. Quindi, i reindirizzamenti non sono un male per il SEO a meno che (c'è sempre un "a meno che") non li stiate facendo nel modo giusto.

Un reindirizzamento 301 aumenta il tempo di caricamento della pagina. Gli utenti di solito non lo notano. Tuttavia, è preso in considerazione da Google, in quanto richiede un passo in più per lo spider per scansionare la nuova pagina, che può aggiungere alcuni millisecondi alla velocità di caricamento.

Ora, supponiamo che tu abbia un reindirizzamento tra la pagina A e la pagina B e che tu abbia deciso di creare una pagina C inviando un reindirizzamento URL più recente in cima a quello esistente. Sarebbero due redirect dalla pagina A per il bot da seguire. È negativo? Sì.

Allora, c'è un limite al numero di reindirizzamenti su un sito web? No, ma c'è un numero massimo di reindirizzamenti per pagina. Google raccomanda di non superare i 2 di fila. 5 o 6 sarebbero già troppi, e lo spider smetterebbe di visitare il sito. Questa cosiddetta catena di redirect significa che per ogni pagina in più, l'utente sperimenta un ritardo e di conseguenza perde interesse, e lo stesso fa lo spider, il che significa che una pagina perde autorità con catene di redirect.

Matt Cutts lo spiega molto chiaramente in un video - abbastanza vecchio - che è ancora rilevante per rispondere a questa domanda:

Raccomandiamo fermamente di reindirizzare SEMPRE alla pagina più recente. Indipendentemente da quanto sforzo vi richiederà, è l'unico modo per non aumentare il tempo di caricamento e per evitare la perdita di autorità.

Esempio di catena reindirizzata:

URL1 reindirizza all'URL2 reindirizza all'URL3 all'URL4 all'URL5 (URL finale)

Che casino, vero?

Come dovreste risolverlo:

URL1 a URL5 (cambiare il reindirizzamento all'ultimo URL)

Da URL2 a URL5 (stesso)

Da URL3 a URL5 (stesso)

Da URL4 a URL5 (Questo è ovvio 😉 )

Utilizzate FandangoSEO come un reindirizzamento della catena di controllo per individuare questi problemi e aiutarvi con le migrazioni del sito web.

Come discusso, il reindirizzamento dei siti web richiede molto tempo e fatica, ma avete anche investito molto per generare la pagina più recente, e volete che i visitatori e i motori di ricerca la trovino senza problemi, giusto? Detto questo, scavate nei vostri dati e investite tutte le vostre risorse nell'implementazione di una strategia di reindirizzamento 301 ottimale.

I vostri reindirizzamenti sono sotto controllo?

Controlla subito i tuoi reindirizzamenti

Arrow-up