Il primo giorno dopo la migrazione del sito: Come monitorate efficacemente il vostro nuovo sito?

Hannah Dango

Ci sono molte ragioni per migrare il tuo sito, dal cambiamento del suo design, del backend, della navigazione o della struttura al passaggio da HTTP a HTTPS. Tuttavia, è un processo che richiede concentrazione e dettagli per evitare di perdere traffico.

Anche se non lo vedi chiaramente, ci sono molti fattori del tuo sito che possono essere influenzati da una migrazione del sito mal eseguita. Alcuni di essi sono la crawlability delle vostre pagine web, l'indicizzabilità, la classificazione o le conversioni organiche.

Quindi, se hai già attraversato le prime fasi della migrazione di un sito, qui hai alcune informazioni per monitorare il processo come un esperto.

Perché è così importante tenere traccia delle metriche dopo la migrazione del sito?

Nel peggiore dei casi, se non si monitora rigorosamente il proprio sito web, un piccolo e diretto errore potrebbe portare a conseguenze catastrofiche come la realizzazione del mito della caduta del traffico. Ma non è tutto; può anche causare una cattiva esperienza dell'utente, o rovinare l'accuratezza del monitoraggio delle prestazioni del tuo sito.

301 reindirizza

In termini generali, è una pratica comune utilizzare i 301. Soprattutto quando effettuiamo una migrazione di un sito web, è essenziale trovare tutte le pagine del sito precedente e reindirizzarle verso il nuovo. E anche se può sembrare facile, il processo deve essere così accurato da non lasciarne neanche uno.

In caso contrario, Google inizierà ad ottenere un sacco di codici di stato 404s, che può portare a sprecare il budget di crawl.

Si consiglia di controllare tutte le pagine del vecchio sito sono reindirizzate a quello nuovo.

FandangoSEO Crawler che mostra Redirects

Canoniche

I tag canonici sono un modo per dire a Google quale pagina considerare quando ci sono diverse pagine con contenuti molto simili.

E' fondamentale verificare che i tag canonici sulle nuove pagine web non puntino al vecchio sito web.

Questioni di indicizzazione

Una volta che hai migrato il tuo sito, Google potrebbe non indicizzare il tuo sito o potrebbe richiedere un po' di tempo per farlo. È quindi fondamentale controllare le vostre pagine web per assicurarsi che nessun contenuto sia stato tralasciato.

È altrettanto importante verificare che non ci siano errori 404, 410 o 500 sul nuovo sito web.

Anche se è qualcosa che si consiglia di fare durante il processo di migrazione del sito se non l'hai già fatto, la creazione di una Sitemap con gli URL del tuo nuovo sito web e l'invio a Google Search Console può aiutare a velocizzare l'indicizzazione.

Su FandangoSEO è possibile ottenere una Sitemap che esegue automaticamente la scansione del sito da cui si desidera estrarre gli URL.

Tenere sotto controllo il tuo sito web ti permette di prendere le misure necessarie al momento giusto.

FandangoSEO che mostra gli errori di scansione

Perdere la posizione in classifica

Anche se è normale che la classifica subisca un piccolo danno se non si prevede questo aspetto, potrebbe - e molto probabilmente finirà per danneggiare la visibilità SEO e il traffico.

Quindi, è essenziale tenere d'occhio le posizioni in classifica del sito web sia del sito precedente che di quello nuovo per un paio di settimane. In questo modo, avrete il tempo di prendere le misure necessarie per evitare un drammatico abbassamento del rango.

I confronti sono la chiave

Dopo l'esecuzione della migrazione di un sito, l'intero processo si basa sul monitoraggio e sul confronto di entrambi i siti per guidarlo. Qui ci sono alcuni fattori che dovreste prendere in considerazione se state pianificando o siete in fase di migrazione del sito.

Confronta le tue prestazioni SEO

Uno degli aspetti essenziali di questo processo è il confronto tra il comportamento precedente e quello attuale del tuo sito nelle classifiche e nelle conversioni. E anche se le fonti interne sono ottime, dovresti anche monitorarle con alcuni strumenti esterni per essere sicuro di ottenere le informazioni giuste e aggiornate.

Inoltre, tenere traccia dell'andamento della conversione su entrambi i siti per garantire coerenza e un trend positivo. Se il vecchio sito sta scendendo, il nuovo dovrebbe salire alla stessa velocità in termini generali.

Molto probabilmente, la tua classifica andra' un po' piu' in basso all'inizio. Ma non preoccuparti, la cosa importante dopo aver eseguito la migrazione del sito è assicurarsi che le tue nuove pagine siano classificate per le parole chiave corrette, sia in versione desktop che mobile.

Se si monitorano correttamente le prestazioni SEO del sito web e si applicano le modifiche necessarie al momento giusto, probabilmente si otterrà un punteggio più alto di quello a cui si è abituati in primo luogo.

Qual è il modo più semplice e veloce per confrontare il tuo nuovo e vecchio sito web?

Quando si tratta di confrontare il tuo nuovo sito web con il vecchio, vuoi essere sicuro che il tuo sito continui ad essere ben ottimizzato per il SEO. Questo è qualcosa che puoi controllare velocemente semplicemente strisciando il tuo vecchio e nuovo sito web con FandangoSEO. Ottenere grafici comparativi che mostrano la struttura architettonica dei siti web. Mantieni le tue prime pagine in buona forma.

Le metriche SEO sono un altro indicatore della corretta esecuzione della migrazione. Confronta le metriche del tuo nuovo e vecchio sito web e assicurati che non abbiano fatto altro che migliorare. Utilizzando il nostro strumento di confronto, vedrete un elenco completo con le metriche rilevanti per il SEO.

Lo strumento di confronto di FandangoSEO

Controlla lo storico del tuo sito web

E' fondamentale che tu faccia un confronto tra le tue prestazioni web nuove e vecchie estraendo i dati da alcuni mesi prima della migrazione del sito. Per farlo, è necessario confrontare il valore medio delle metriche primarie del vecchio sito con i risultati delle metriche del sito web. Questo vi darà un'idea della fluttuazione del traffico e delle prestazioni del vostro sito web.

Come detto in precedenza, è necessario prestare particolare attenzione al traffico quando si migra su un sito web. Questo non è solo nei numeri complessivi, ma anche nelle specifiche, come la quantità di tempo che trascorrono sul tuo sito, la frequenza di rimbalzo, le conversioni interne e le entrate. Tutto dovrebbe rimanere più o meno uguale o migliorare.

Appoggiatevi a strumenti di monitoraggio affidabili

Al giorno d'oggi esistono eccellenti servizi di analisi e strumenti SEO. Alcuni dei più grandi e popolari in termini di monitoraggio sono Google Analytics, Google Search Console, SEMrush e SISTRIX.

Da un lato, Google Analytics e Google Search Console vi forniranno informazioni interne sul vostro sito web. È possibile misurare e analizzare le fluttuazioni del traffico, il comportamento degli utenti e le prestazioni del web.

D'altra parte, SEMrush e SISTRIX sono ottimi per convalidare le vostre posizioni in classifica.

FandangoSEO è integrato con questi quattro strumenti in modo da poter analizzare i suoi dati in modo semplice e pratico. Inoltre, sarete in grado di applicare i filtri delle sezioni che avete creato con il nostro strumento. Questo vi fornirà informazioni più accurate e arricchite.

L'integrazione di FandangoSEO con Google Analytics

Come avete visto finora, il gran numero di metriche da tenere sotto controllo rende il monitoraggio SEO un compito complesso. Per questo motivo si consiglia vivamente di utilizzare uno strumento come FandangoSEO, dal quale è possibile monitorarli tutti in una volta. Inoltre, riceverai notifiche via e-mail con le modifiche metriche rilevate dal nostro sistema, in modo da essere sempre al corrente delle tue prestazioni sul web.

Fateci sapere nei commenti qui sotto se avete trovato utile questo articolo e/o se potete pensare a qualsiasi altro aspetto da considerare dopo una migrazione del sito. Saremo anche lieti di rispondere a tutte le vostre domande sull'argomento. Ricordate, condividere e' affettuoso. 😉

Diffondere l'amore

0 Commenti

    Lascia una risposta

    Altri grandi articoli

    Metriche SEO

    Metriche SEO che contano

    Un elenco completo delle più importanti metriche SEO di cui avete bisogno per raggiungere il massimo livello! Nessuno può negare...

    Leggi la storia
    monitorare SEO

    Perché è così importante monitorare il SEO?

    In breve, nell'ottimizzazione dei motori di ricerca, il tracciamento, la misurazione e il monitoraggio sono cruciali perché così un'azienda può rilevare e...

    Leggi la storia
    Come ottenere il massimo punteggio su Google

    Come raggiungere il primo posto su Google nel 2020

    1. Scegliere le parole chiave giuste Quando sceglieremo le nostre parole chiave, nel 2020, dovremo concentrarci prima sull'intento dell'utente.....

    Leggi la storia
    Arrow-up