Tempo di permanenza

Molti professionisti SEO considerano il tempo di permanenza come un fattore di ranking significativo. Che lo sia o no, sappiamo che dà un'idea dell'esperienza utente del vostro sito web. Pertanto, è certamente qualcosa che si vuole prendere in considerazione nell'ottimizzazione dei motori di ricerca. Ecco una rapida guida sul tempo di permanenza e su come puoi aumentarlo per migliorare il tuo SEO.

Cos'è il tempo di permanenza?

Il tempo di permanenza è il tempo che passa da quando un utente entra in un risultato di ricerca fino a quando ritorna alla SERP.

Diciamo che qualcuno va su Google per cercare ristoranti cinesi nella sua città. L'utente clicca sul primo risultato organico, si guarda un po' intorno e non è convinto da quello che vede. Così dopo 2 minuti e 36 secondi, l'utente torna alla pagina dei risultati per continuare la ricerca. Bene, questo è esattamente il tempo che l'utente ha trascorso sul sito web.

tempo di permanenza

Differenza tra tempo di permanenza, frequenza di rimbalzo e tempo sulla pagina

È facile confondere il tempo di permanenza con la frequenza di rimbalzo e il tempo sulla pagina. Ma è essenziale non supporre che siano equivalenti perché si riferiscono a concetti diversi:

  • Dwell time: si riferisce a quanto tempo passa da quando un utente entra in un risultato della SERP fino a quando vi ritorna.
  • Tempo sulla pagina: è la durata del tempo in cui una persona è su una pagina prima di lasciare un'altra parte della pagina, anche un'altra pagina dello stesso sito.
  • Tasso di rimbalzo: quando un visitatore visita una sola pagina di un sito web e se ne va, questo è noto come una sessione a pagina singola. Bene, la frequenza di rimbalzo è la percentuale di sessioni a pagina singola su un sito web.

Cos'è il pogo?

Il pogo-sticking si riferisce al numero di volte che un utente arriva a una pagina dalla SERP, naviga attraverso di essa, e ritorna ai risultati di ricerca di Google per entrare in altri siti web.

È importante non confonderlo con la frequenza di rimbalzo, poiché quest'ultima non è sempre un segnale negativo. Per esempio, qualcuno può lasciare una pagina per controllare la sua e-mail. Tuttavia, se lo fa per tornare alla pagina dei risultati, sta facendo pogo, il che dovrebbe essere più preoccupante.

 

Il tempo di permanenza è un fattore di ranking?

Gli esperti credono che il tempo di permanenza abbia un peso significativo nel ranking di Google, ma il motore di ricerca non ha mai confermato nulla a questo proposito. Infatti, il tempo di permanenza non appare come una metrica nel cruscotto di Google Analytics.

Ma anche se Google non ha fatto alcuna pubblicazione sulla questione, Nick Frost, il direttore di Google Brain, ha dato un indizio nel 2017. Ha fatto alcune dichiarazioni in una conferenza da cui molti SEO hanno dedotto che il dwell time è un fattore di ranking. Pertanto, l'importanza della sua ottimizzazione.

 

Come calcolare il tempo di permanenza

Il fatto che non appaia in Google Analytics probabilmente spinge a pensare che non si possa misurare facilmente. Ma buone notizie: c'è una soluzione che viene dallo stesso strumento: esaminare la metrica "Durata media della sessione".

Tutto quello che devi fare è seguire il percorso successivo in Google Analytics:

Comportamento > Contenuto del sito > Pagine di destinazione > Nuovo segmento > Traffico organico.

Lì vedrete la metrica Durata media della sessione.

 

Come aumentare il tempo di permanenza

Ora che sapete cosa significa il tempo di permanenza e come misurarlo, vi starete chiedendo cosa potete fare per far sì che questo elemento giochi a vostro favore. Prendete nota di questi consigli:

ottimizzazione del tempo di permanenza

Concentrarsi al 100% sull'esperienza dell'utente

Google si concentra sul far sentire il lettore il più comodo possibile sui siti web, quindi non c'è altra scelta che pensare come il gigante della ricerca. Come si fa a raggiungere questo obiettivo? Vediamo:

  • Con una buona impaginazione, compresa una struttura logica di titoli e sottotitoli.
  • Creando un contenuto facile da leggere, con liste, paragrafi, punti, ecc.
  • Mantenere un tempo di caricamento adeguato.
  • Verificare che il sito sia compatibile con tutti i principali browser.
  • Rendendo facile per gli utenti trovare ciò che cercano nella pagina.
  • Avere codice pulito e markup valido.
  • Ottimizzazione per i dispositivimobili.

Fare un contenuto eccellente ed esteso

Logicamente, più contenuti gli utenti trovano sul tuo sito, più tempo ci passeranno. Ma naturalmente, perché questo accada, l'informazione fornita deve essere buona. Da qui l'importanza di creare testi di qualità ed estesi.

Tuttavia, dovete anche tenere a mente che Google verificherà se il contenuto è legato all'intento di ricerca a cui la pagina sta cercando di rispondere.

Includi video sulla tua pagina

Includere dei video sul tuo sito farà in modo che le persone che preferiscono elementi audiovisivi piuttosto che testo passino più tempo sulla pagina. I video che appaiono di solito nei post durano tipicamente tra uno e due minuti, il che si aggiunge al tempo di permanenza.

Impegnati con i tuoi utenti attraverso la sezione dei commenti

In questo modo, coloro che entrano nel vostro sito web sentiranno di essere ascoltati e saranno più attivi su di esso. Se pensavate che i commenti fossero per le persone che trollano, dovete sapere che questo appartiene ormai al passato.

Arrow-up