Struttura URL

La struttura di un URL influenza l'ottimizzazione della pagina sui motori di ricerca, ma come fa a farlo? Qui parleremo di questo argomento e di come creare un URL SEO-friendly.

Cos'è un URL?

Un URL descrive la posizione di un documento o di una pagina web per i visitatori e i motori di ricerca. Deve il suo nome all'acronimo Universal Resource Locator.

Struttura URL

Diamo un'occhiata ad ogni elemento che compone l'URL.

  1. Ilprotocollo è la prima parte dell'URL, chiamata anche schema. Indica al browser come deve trasferire i dati tra l'host e il client. I protocolli più utilizzati sono HTTP e HTTPS, anche se ce ne sono altri come FTP, TCP, NTP, ecc.
  2. Ilsottodominio è una porzione del nome del dominio. Possiamo dire che www è un dominio figlio di un dominio padre www.fandangoseo.com. Viene creato per organizzare diverse sezioni del sito. Alcuni altri esempi potrebbero essere docs. fandangoseo.com o store. fandangoseo.com.
  3. Il dominio è il nome del sito web, da non confondere con l'URL, che è quello che si usa per trovare un sito.
  4. TLDo Top-Level Domain è l'ultimo segmento del nome di dominio che viene dopo il punto. Fornisce informazioni extra al nome di dominio associato ad esso. Questo potrebbe essere per esempio lo scopo del sito web (.academy, .ong, .edu), l'area geografica (.uk, .us, .eu) o il marchio che lo possiede (.google, .bmw, .amazon).
  5. Lasottocartella è una parte dell'url che ospita un particolare sottoinsieme di contenuti. Un altro modo per descriverla sarebbe il nome di una sezione specifica del tuo sito. Un esempio tipico sarebbe /blog.
  6. Loslug è la parte dell'url che viene alla fine, dopo il TLD, e identifica una pagina specifica. Per creare un URL user-friendly, i tuoi slug dovrebbero essere facili da leggere e riflettere l'argomento principale della pagina. Questa pratica aiuta i lettori e i motori di ricerca a sapere di cosa tratta il contenuto.

 

Perché la struttura dell'URL è importante per il SEO?

La struttura di un URL è rilevante sia per gli utenti che per i motori di ricerca.

Vantaggi per gli utenti

Un URL ben progettato dà agli utenti (e ai motori di ricerca) un indizio facile da capire su cosa riguarda la pagina di destinazione.

Anche nei casi in cui il tag del titolo della pagina è nascosto, un URL leggibile dall'utente e semanticamente accurato fornirebbe un'idea chiara di cosa sia la pagina di destinazione. Esso offre agli utenti una migliore esperienza, sapendo cosa troveranno se cliccano sul link.

Vantaggi per i motori di ricerca

L'URL è un piccolo ma sicuro fattore di ranking utilizzato dai motori di ricerca per determinare la rilevanza di una determinata pagina in una query di ricerca. Esso dà peso all'autorità generale del dominio stesso. Inoltre, anche l'uso di parole chiave in un URL può fungere da fattore di ranking.

Tuttavia, mentre l'utilizzo di un URL che include parole chiave può migliorare la visibilità della ricerca di un sito, l'URL stesso di solito non influisce sulla capacità di posizionamento della pagina. Pertanto, anche se si dovrebbe considerare l'uso di parole chiave, non si dovrebbe creare un URL semplicemente per includere una parola chiave se sarà inutile sotto altri aspetti.

 

Migliori pratiche per gli URL SEO-friendly

dominio

Ecco alcune pratiche amichevoli per la costruzione di un URL, che dovrebbero aiutare il vostro sito ad ottenere le posizioni più alte nei risultati di ricerca di Google e ad attirare i visitatori sulle vostre pagine:

Descrivere il contenuto della pagina

Idealmente, l'utente può indovinare con precisione il contenuto del sito web semplicemente leggendo l'URL, per il quale deve includere una frase o un termine esatto che appartiene al contenuto.

Includere parole chiave nell'URL

Vale la pena di ottimizzare ogni pagina web che riguarda una parola chiave, e quella parola chiave deve essere inclusa nell'URL. È anche importante inserire le parole chiave più rilevanti all'inizio dell'URL, poiché gli spider dei motori di ricerca non danno altrettanta importanza alle parole verso la fine dell'URL.

Tuttavia, si dovrebbe evitare l'abuso di parole chiave, poiché i motori di ricerca riconoscono il riempimento di parole chiave e penalizzano le pagine per questo tipo di azione.

Utilizzare lettere minuscole nell'URL

I motori di ricerca possono decodificare i casi di lettere in un URL, quindi può generare URL duplicati e quindi perdere il page rank.

Se per qualche motivo, un URL viene creato con una lettera maiuscola, si dovrebbe indicare l'URL preferito attraverso un reindirizzamento 301. E se questo non è possibile, implementate un tag canonical per indicare l'URL canonico.

Creare brevi URL

L' URL dovrebbe essere il più descrittivo e breve possibile, poiché un URL breve è più facile da leggere e da digitare. Inoltre, meno parole contiene, più valore riceverà ogni parola nel motore di ricerca. Molte parole simili in un URL possono essere viste come un riempimento di parole chiave e causare un calo nelle classifiche di ricerca.

Aggiungere i trattini alle parole separate

L'uso dei trattini per separare le parole in frasi URL è fondamentale sia per la leggibilità dell'utente che per l'ottimizzazione dei motori di ricerca. Google raccomanda di utilizzare i trattini al posto dei trattini nelle URL, poiché i trattini sono trattati come spazi tra le parole, mentre le parole collegate attraverso i trattini sono considerate una sola parola.

Facciamo un esempio:

  •   Il seguente sarebbe un URL ottimizzato: https://example.info/blog/url-structure-tips
  •   Questo, tuttavia, non è ottimizzato: https://example.info/blog/url_structure_tips

Creare URL statici

È meglio utilizzare URL statici che non possono essere modificati. Si tratta di URL che rimangono costanti ogni volta che la pagina viene caricata. Cercate di evitare parametri non necessari (come '?', o '&'), tipici degli URL dinamici.

Un URL statico è più facile da leggere sia per l'utente che per i motori di ricerca. Ciò non significa che non si possano aggiungere parametri aggiuntivi agli URL che saranno pubblicati nei social network per aiutare a tracciare i dati di marketing, ma si dovrebbe cercare di codificare gli URL dinamici direttamente sul sito.

Attenzione ai sottodomini

I motori di ricerca hanno il potenziale per trattare un sottodominio come un'entità separata dal dominio principale, che può influenzare molti aspetti del SEO, tra cui il link building e il valore della fiducia. Quindi, se non c'è una ragione convincente per usare un sottodominio, è meglio usare invece le sotto-cartelle.

  •   Sulla base di quanto sopra, questo sarebbe un URL ottimizzato: https://www.example.com/element
  •   Ma non questo: https://element.example.com

Limitare le cartelle nella struttura dell'URL

Un URL non dovrebbe contenere cartelle non necessarie. È meglio utilizzare solo il numero di cartelle e di caratteri necessari per la struttura di un URL. Ricordate, più è piatta la struttura del sito, meglio è.

Tenete sempre presente l'utente, e un'altra cosa: l'algoritmo di Google è in costante evoluzione, quindi siate sempre informati sugli ultimi aggiornamenti.

Arrow-up